10559832_307461326081896_1278649842498003204_n

CONTRADA LORI’

Bio

Prestate bene attenzione a non chiamarli i Contrada Lorì, perché rischiereste di farli arrabbiare. Loro sono la Contrada Lorì. E’ anche da questi dettagli che si vede come questo gruppo di polistrumentisti veronesi abbia deciso di usare schemi del tutto nuovi e rivoluzionare, nel loro piccolo, il linguaggio della musica leggera. Sì, perché di rivoluzione si tratta. Una rivoluzione linguistica, musicale e, soprattutto, culturale. Ma andiamo con ordine. Tutto è iniziato nel 2012, in una nebbiosa giornata invernale, quando Roberto Rizzini, già autore, cantautore, musicoterapeuta, ma soprattutto co-proprietario di una rinomata osteria veronese, ha raccolto nella sua casa nell’ameno borgo di Avesa alcuni amici, come lui appassionati di cibo, di vino e di musica. Tra questi vi erano Roberto Nicolino, cuoco-filosofo e contrabbassista, Arturo Pero, medico e violoncellista, Francesco Scardoni, giurista e cantante, Paolo Marocchio, musicoltore e mandolinista, Andrea Pomarolli, educatore e fisarmonicista e Andrea Trevisan, giurista e chitarrista.

“Lo sentite il profumo di questo Valpolicella che avete nel bicchiere? – ha detto il Rizzini ai suoi, quella sera – Be’, questo vino lo fa un contadino, da solo, in casa. Non è un enologo diplomato, ha quattro vigne e produce solo poche bottiglie, ma questo è il Valpolicella vero. Bene, cari amici, io voglio proporre a voi di fare insieme della musica che abbia lo stesso sapore del vino che stiamo bevendo: dovrà essere 1) tradizionale 2) locale 3) stagionale 4) senza artifici. Il progetto si chiamerà Contrada Lorì, perché nasce qui, in una piccola contrada sulle sponde del Lorì (torrente di Avesa, paese veronese NdR)”.

Da questa genuina unione di amanti del canto e del vino è iniziata un’avventura che ha attraversato tutte le piazze e le osterie di Verona e provincia per tutto il 2013, creandosi una fan base notevole confermata da concerti sempre più affollati da un pubblico entusiasta (il Transumanza Tour 2013). Dopo l’incontro con Vaggimal Records è iniziato quindi uno splendido sodalizio che li ha portati a produrre il loro primo album “Doman l’è festa” e a farsi conoscere in tutta Italia per poter portare il più lontano possibile la canzone veneta.

La Contrada Lorì è musica tradizionale, canti popolari veronesi e veneti, folk e canzone d’autore.

Releases

a2592079906_2

Doman l’è Festa